Nuovo impianto
Costituiscono interventi di nuovo impianto quelli volti all’utilizzazione di aree inedificate.
Secondo la procedura stabilita dal regolamento di Polizia Mortuaria e dal Piano Regolatore Cimiteriale, per gli interventi di nuovo impianto l’inizio dei lavori dovrà essere autorizzato da provvedimento formale da parte del Dirigente della Ripartizione Lavori Pubblici corredata da  una relazione a firma di tecnico abilitato redatta su apposita modulistica.
La relazione dovrà essere integrata con opportuni elaborati tecnici. 
Al termine dell’interevento è necessaria la comunicazione di fine lavori corredata da una dichiarazione di conformità statica redatta da tecnico abilitato.
I lavori di nuovo impianto devono essere iniziati entro un anno e terminati entro tre anni dalla data della concessione dell’area, salvo proroghe motivate da richiedersi ed ottenersi con la medesima procedura di cui sopra. 
 
 
Manutenzione ordinaria
Costituiscono interventi di manutenzione ordinaria quelli che riguardano opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture dei manufatti edilizi e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnici esistenti, purché non comportino modifiche alle strutture o all’organismo edilizio. 
Per gli interventi di manutenzione ordinaria è sufficiente una comunicazione preventiva scritta alla Ripartizione Lavori Pubblici del Comune, corredata da una sintetica descrizione dei lavori da eseguirsi e seguita, al termine dell’intervento, da una comunicazione di fine lavori, entrambe redatte su apposita modulistica.
I lavori di manutenzione ordinaria non devono comunque durare più di sessanta giorni per intervento comunicato, salvo proroghe motivate da richiedersi ed ottenersi con la medesima procedura di cui sopra. 
 
 
Manutenzioni straordinaria
Costituiscono interventi di manutenzione straordinaria le opere e le modifiche necessarie per innovare e sostituire parti anche strutturali fatiscenti dei manufatti edilizi, compresa la formazione delle finiture esterne.
Per gli interventi di manutenzione straordinaria è necessaria una comunicazione  preventiva scritta alla Ripartizione Lavori Pubblici del Comune, corredata da  una relazione a firma di tecnico abilitato.
Al termine dell’interevento è necessaria la comunicazione di fine lavori eventualmente corredata, su richiesta dell’Ufficio, da una dichiarazione di conformità statica, redatta da tecnico abilitato.
I lavori di manutenzione straordinaria non devono comunque durare più di sei mesi per intervento comunicato, salvo proroghe motivate da richiedersi ed ottenersi con la medesima procedura di cui sopra. 
 
 
Restauro
Costituiscono interventi di restauro quelli volti a conservare i manufatti edilizi e assicurare la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere nel rispetto degli elementi tipologici, formali, strutturali, dell’organismo stesso.
Il tipo di intervento prevede:
a) il restauro degli aspetti architettonici e, ove il caso, il ripristino delle parti alterate;
b)  il consolidamento statico, con sostituzione delle parti, non recuperabili senza modificare posizioni e quote, degli elementi strutturali fondamentali.
Per gli interventi di restauro è necessaria una comunicazione  preventiva scritta alla Ripartizione Lavori Pubblici del Comune, corredata da una relazione a firma di tecnico abilitato, integrata con opportuni elaborati tecnici. 
I lavori di restauro non devono comunque durare più di un anno per intervento comunicato, salvo proroghe motivate da richiedersi ed ottenersi con la medesima procedura di cui sopra. 
Al termine dell’interevento è necessaria la comunicazione di fine lavori eventualmente corredata, se richiesta dall’Ufficio, da una dichiarazione di conformità statica, redatta da tecnico abilitato.
 
Risanamento conservativo
Costituiscono interventi di risanamento conservativo quelli finalizzati principalmente al recupero igienico-funzionale di manufatti edilizi per i quali si renda necessario il consolidamento e l’integrazione degli elementi strutturali e la eventuale modificazione dell’assetto planimetrico, con l’impiego di materiali e tecniche diverse da quelle originarie, purché congrui con i caratteri dei manufatti.
Per gli interventi di risanamento conservativo  è necessaria una comunicazione  preventiva scritta alla Ripartizione Lavori Pubblici del Comune, corredata da  una relazione a firma di tecnico abilitato, integrata con opportuni elaborati tecnici.
I lavori di risanamento conservativo non devono comunque durare più di un anno per intervento comunicato, salvo proroghe motivate da richiedersi ed ottenersi con la medesima procedura di cui sopra. Al termine dell’interevento è necessaria la comunicazione di fine lavori eventualmente corredata, se richiesta dall’Ufficio, da una dichiarazione di conformità statica, redatta da tecnico abilitato.
 
Ristrutturazione edilizia
Costituiscono interventi di ristrutturazione quelli volti a trasformare i manufatti edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare a un manufatto in parte o in tutto diverso dal precedente.
 
Ristrutturazione edilizia di tipo A
Costituiscono interventi di ristrutturazione edilizia  di tipo A quelli che, pur in presenza di modificazioni, integrazioni o sostituzioni di elementi anche strutturali, non configurino aumenti di superfici e volumi.
Gli interventi di ristrutturazione edilizia di tipo A sono soggetti ad autorizzazione rilasciata dal Dirigente Comunale competente in materia, previa istanza scritta alla Ripartizione Lavori Pubblici del Comune, corredata da una relazione a firma di tecnico abilitato, integrata con opportuni elaborati tecnici.
I lavori di ristrutturazione edilizia di tipo A non devono comunque durare più di diciotto mesi dalla data di ricezione dell’autorizzazione, salvo proroghe motivate fino ad un massimo complessivo di sei mesi, da richiedersi ed ottenersi con la medesima procedura di cui sopra.
Al termine dell’intervento è necessaria la comunicazione di fine lavori eventualmente corredata, se richiesta dall’Ufficio, da una dichiarazione di conformità statica, redatta da tecnico abilitato.
Ristrutturazione edilizia di tipo B
 Costituiscono interventi di ristrutturazione edilizia  di tipo B quelli che ammettono anche variazioni di superfici e recupero di volumi.
In tale tipo di intervento è ammesso il rifacimento di parti di muri perimetrali portanti purché ne sia mantenuto il posizionamento.
Sono ammesse modificazioni delle quote degli orizzontamenti.
E’ consentita la realizzazione di nuovi elementi strutturali necessari per la trasformazione degli organismi edilizi o di loro parti.
Sono consentite la realizzazione o l’eliminazione di aperture, nonché modificazione dei tamponamenti esterni.
Gli interventi di ristrutturazione sono soggetti ad autorizzazione rilasciata dal dirigente comunale competente in materia, previa istanza scritta alla Ripartizione Lavori Pubblici del Comune, corredata da relazione ed atti progettuali a firma di tecnico abilitato.
I lavori di ristrutturazione edilizia di tipo B non devono comunque durare più di due anni dalla data di ricezione dell’autorizzazione, salvo proroghe fino ad un massimo complessivo di un anno, da richiedersi ed ottenersi con la medesima procedura di cui sopra.
Al termine dell’interevento è necessaria la comunicazione di fine lavori obbligatoriamente corredata da una dichiarazione di conformità statica, redatta da tecnico abilitato.
 
Demolizioni, ricostruzioni, sostituzioni
Gli interventi di demolizione e ricostruzione, ove assentiti dalle presenti norme, riguardano le strutture fatiscenti e prive di pregio architettonico; il nuovo manufatto dovrà essere contenuto nei limiti geometrici dell’edificio preesistente, salvo per le parti interrate, e non dovrà contrastare con i nuovi allineamenti.
Gli interventi di ricostruzione e/o sostituzione di cui al primo comma sono soggetti ad autorizzazione rilasciata dal Dirigente comunale competente in materia secondo la procedura stabilita dal regolamento di Polizia Mortuaria per gli interventi di nuovo impianto.
 

Edicole funerarie la cui costruzione risale ad oltre 50 anni, di particolare pregio architettonico, meritevoli di tutela

 

Nel caso di interventi  su manufatti appartenenti alla categoria sopra citata, l’inizio dei lavori dovrà essere autorizzato da provvedimento formale da parte del Dirigente della Ripartizione Lavori Pubblici.
Nel caso di manufatto inserito nel catalogo dei beni culturali architettonici, ai sensi della Legge Regionale n. 35/95, al Regolamento Igienico-Edilizio comunale, e Piano Regolatore Cimiteriale, tale autorizzazione potrà essere  rilasciata solo previo parere favorevole della Commissione Locale per il paesaggio di cui alla legge regionale n. 32/2008.
Nel caso di manufatto sottoposto a tutela da parte del Ministero dei Beni culturali ai sensi dell’articolo 12 del D. Lgs. 22/1/2004, n. 42 e successive modificazioni ed integrazioni, l’autorizzazione potrà essere rilasciata solo previo parere favorevole della Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del medesimo Ministero, che assorbe il parere della suddetta Commissione.
Tempi di conclusione procedimento: Autorizzazione esecuzione lavori cimiteriali: 60 giorni.
 
Allegati:
Scarica questo file (coprifossa_finelavori.pdf)Coprifossa. Fine lavori.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (coprifossa_manutenzioneordinaria.pdf)Coprifossa. Manutenzione ordinaria.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (coprifossa_nuovacostruzione.pdf)Coprifossa. Nuova costruzione.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (Fine Lavori Cripta.pdf)Fine Lavori Cripta.pdf[Modulo fine lavori cripta.]0 kB
Scarica questo file (Fine Lavori Edicola.pdf)Fine Lavori Edicola.pdf[Modulo fine lavori edicola.]0 kB
Scarica questo file (Inizio Lavori Cripta.pdf)Inizio Lavori Cripta.pdf[Modulo inizio lavori cripta.]0 kB
Scarica questo file (Inizio Lavori Edicola.pdf)Inizio Lavori Edicola.pdf[Modulo inizio lavori nuova edicola.]0 kB
Scarica questo file (manutenzionestraordinaria.pdf)Manutenzione straordinaria.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (manutenzionestraordinaria_dichiarazioneagibilita.pdf)Manutenzione straordinaria. Dichiarazione di agibilità.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (manutenzionestraordinaria_dichiarazioneigienicosanitaria.pdf)Manutenzione straordinaria. Autorizzazione igienico-sanitaria.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (manutenzionestraordinaria_finelavori.pdf)Manutenzione straordinaria. Fine lavori.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (Nuova Costruzione Cripta.pdf)Nuova Costruzione Cripta.pdf[Modulo nuova costruzione cripta.]0 kB
Scarica questo file (nuovacostruzione_edicola.pdf)nuovacostruzione_edicola.pdf[Modulo nuova costruzione edicola.]0 kB
Scarica questo file (nuovaedicola_dichiarazioneigienicosanitaria.pdf)nuovaedicola_dichiarazioneigienicosanitaria.pdf[Modulo dichiarazione igienico sanitaria nuova edicola.]0 kB
Scarica questo file (Restauro Edicola Cripta Categoria B6.pdf)Restauro Edicola Cripta Categoria B6.pdf[Restauro. Il modulo per la categoria B6]0 kB
Scarica questo file (Restauro Edicola Cripta.pdf)Restauro.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (restauro_finelavori.pdf)Restauro. Fine lavori.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (risamento.pdf)Risanamento,[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (risamento_dichiarazioneagibilita.pdf)Risanamento, Dichiarazione di agibilità.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (risamento_dichiarazioneigienicosanitaria.pdf)Risanamento, Dichiarazione igienico-sanitaria.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (risamento_finelavori.pdf)Risanamento, Fine lavori.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (ristrutturazione_a.pdf)Ristrutturazione tipo A[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (ristrutturazione_a_dichiarazioneagibilita.pdf)Ristrutturazione tipo A. Dichiarazione di agibilità.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (ristrutturazione_a_dichiarazioneigienicosanitaria.pdf)Ristrutturazione tipo A. Dichiarazione igienico-sanitaria.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (ristrutturazione_a_finelavori.pdf)Ristrutturazione tipo A. Fine lavori.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (ristrutturazione_b.pdf)Ristrutturazione tipo B[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (ristrutturazione_b_dichiarazioneagibilita.pdf)Ristrutturazione tipo B. Dichiarazione di agibilità.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (ristrutturazione_b_dichiarazioneigienicosanitaria.pdf)Ristrutturazione tipo B. Dichiarazione igienico-sanitaria.[Il modulo.]0 kB
Scarica questo file (ristrutturazione_b_finelavori.pdf)Ristrutturazione tipo B. Fine lavori.[Il modulo.]0 kB