“Il ricorso per l’annullamento è rigettato”. E’ netto e inequivocabile il pronunciamento della Regione Piemonte in merito al ricorso presentato dalla sezione cittadina dell’associazione Italia Nostra onlus, che chiedeva la revoca della deliberazione del Consiglio comunale di Bra del 27 ottobre scorso, con la quale è stata approvata la prima variante parziale al Piano Regolatore Generale comunale vigente. L’esito del decreto, a firma del Presidente della Giunta regionale, è stato commentato ieri sera, mercoledì 15 marzo 2017, nell’ambito di una partecipata conferenza stampa nel Palazzo municipale di Bra.

Il sindaco Bruna Sibille ha illustrato le fasi dell’iter che, dall’avvio di procedimento, ha portato all’approvazione definitiva della Variante parziale: 20 mesi di lavoro puntuale e approfondito, durante i quali la Commissione Urbanistica si è riunita 24 volte, vagliando le 93 domande presentate dai privati, di cui 63 accettate, e rispondendo puntualmente alle 34 osservazioni pervenute. La prima cittadina ha poi analizzato alcuni dei punti evidenziati dall’associazione braidese a motivazione del ricorso, nessuno dei quali accolto. Il supposto consumo di suolo non sussiste, “le aree in oggetto (in particolare, strada Gariglio e strada Gandini) sono già recintate, edificate e frapposte tra aree residenziali consolidate; non si tratta, in sostanza, di suolo agricolo”. Rispetto alla monetizzazione totale, la Variante parziale ha introdotto per tre interventi la possibilità di ricorrere alla monetizzazione dell’intero standard urbanistico, “in un’ottica di favorire il recupero del patrimonio edilizio esistenti – ha spiegato il sindaco Bruna Sibille -. Gli ambiti interessati (Molino braidese e due edifici in via Cavour e via Vittorio Emanuele II) riguardano tessuti molto compromessi, nei quali non sarebbe tecnicamente possibile recuperare le superfici a servizi”. Per quanto attiene i cambi di destinazioni d’uso, l’obiettivo è quello di riqualificare e valorizzare edifici esistenti, come nel caso di Palazzo Garrone, che rimarrebbe comunque di proprietà del Comune, o di dare nuova vita a zone degradate, come per la realizzazione di aule per universitari a Pollenzo.

“Non si discute il diritto alla critica, legittimo e spesso utile al confronto – ha commentato Sibille -, ma la cecità con cui questo ricorso è stato presentato: puntare all’annullamento totale della variante, come richiesto da Italia Nostra Bra, avrebbe significato buttare a mare le legittime richieste dei nostri concittadini, frenare interventi di tipo produttivo con relativi positivi sviluppi in termini occupazionali e impedire il recupero edilizio di zone degradate” (em).

Info: Città di Bra – Segreteria del Sindaco

sindaco@comune.bra.cn.it - Tel. 0172.438361

In evidenza

  • Le ultime notizie

    Linea diretta con il Palazzo comunale.  

  • Le date dei concorsi per i posti da Dirigente

    Definite nella seduta del 21 febbraio 2017 delle relative Commissioni, le date della preselezione, delle prove scritte ed orali dei concorsi per i posti di Dirigente della Ripartizione dei Servizi alla persona e della Ripartizione Finanziaria comunale. Le date ed i dettagli.

  • ZTL centro storico: i moduli per l'accesso

    Stanno per partire i controlli mediante telecamere dei varchi di accesso alla Ztl del centro storico. Residenti, titolari di posti auto, lavoratori ed altri soggetti che secondo la relativa ordinanza possono accedere all'rea, dovranno comunicare al comando di Polizia municipale i dati dei propri veicoli. I moduli per richiedere l'accesso.

  • Carta S.I.A.: moduli

    Un sostegno concreto e tangibile per chi è più in difficoltà, a fronte dell’adesione ad un progetto di attivazione sociale e lavorativo. Dal 2 settembre sarà possibile ritirare agli sportelli della ripartizione socio-scolastica comunale (piazza Caduti libertà 18) i moduli per richiedere la carta S.I.A., acronimo di “Sostegno per l’inclusione attiva”, che consente a coloro che hanno un indicatore Isee inferiore a tremila euro di ricevere una carta di pagamento per acquisti in negozi, farmacie e supermercati o negli uffici postali per pagare le bollette elettriche o del gas devono essere consegnati allo sportello della ripartizione socio-scolastica in piazza Caduti della Libertà 18 nei seguenti orari: lunedì, mercoledì e venerdì: 8:30-12:45; martedì e giovedì: 15-16; sabato: 10-12. . Le pagine.

  • Obbligo di pulizia di fossi e strade private

    Un'ordinanza comunale impone la pulizia di fossi e strade private ai proprietari di edifici e terreni prospicenti strade comunali o vicinali. Il motivo: impedire il ristagno di acqua sulla strada e il regolare deflusso. La sanzione può arrivare fino a 500 euro. La notizia. L'ordinanza.

  • Figli di immigrati: le condizioni per chiedere la cittadinanza italiana

    Anche Bra ha aderito alla campagna nazionale dell'Anci, l'associazione nazionale dei comuni italiani, “18 anni in Comune!”. L'iniziativa vuole essere un’opportunità in più offerta alle seconde generazioni delle famiglie di stranieri che, al compimento del diciottesimo anno di età possono, nell’attuale sistema normativo, diventare a tutti gli effetti cittadini italiani. Requisiti: essere nati in Italia e aver risieduto nel Belpaese continuativamente sino ai 18 anni. La domanda può essere presentata prima del compimento del diciannovesimo anno d'età. La pagina e la guida.     

  • Ricerche anagrafiche storiche

    Una operazione partecipata di implementazione delle banche date storiche dei movimenti demografici della città. Utilizzando il servizio “ArchiviPopolazione” si ha la possibilità di accedere ad un sistema di di crediti che permette di rendere consultabili i dati nella misura in cui si contribuisce ad alimentare la banca dati storica dei dati sulla popolazione. Vai alla pagina.