E’ rivolto alle classi delle scuole superiori di Bra il bando promosso dalla Biblioteca civica “Giovanni Arpino” per l’ideazione e realizzazione di un logo rappresentativo della struttura. Il concorso creativo “Un logo per la nostra biblioteca” propone l’ideazione di un logo originale, inedito e rappresentativo, che sappia “raccontare” questa realtà cittadina, incarnandone lo spirito in maniera efficace e moderna.

Le modalità di partecipazione e le caratteristiche tecniche degli elaborati sono contenute nel bando pubblicato sul sito del Comune di Bra, nell’area “Servizi e procedimenti/Biblioteca”. I lavori dovranno essere consegnati entro il 20 ottobre 2017 in busta chiusa in via Guala 45, o inviati all’indirizzo e-mail: biblioteca@comune.bra.cn.it, scrivendo nell’oggetto Concorso “Un logo per la nostra biblioteca” e indicando i dati identificativi della scuola e della classe. I loghi selezionati saranno esposti nei locali della biblioteca “Giovanni Arpino”, corredati dei rispettivi crediti. Maggiori informazioni chiamando lo 0172.413049. (em)

Info: Città di Bra – Biblioteca “Giovanni Arpino”

Tel. 0172.413049 – biblioteca@comune.bra.cn.it

In evidenza

  • Le ultime notizie

    Linea diretta con il Palazzo comunale.  

  • Cimici asiatiche: che fare?

    In autunno l’abbassamento delle temperature e la fine dei cicli vegetativi delle coltivazioni induce alcune specie di insetti a cercare riparo nelle abitazioni. Tra questi, le cimici: non solo quelle verdi, ma anche – da alcuni anni – quelle marroni. Si tratta di una nuova specie di origine asiatica denominata Halyomorpha halys, molto nociva per le coltivazioni frutticole, cerealicole e orticole. In questo documento le linee guida della Fondazione Agrion e del Settore Fitosanitario della Regione Piemonte per una corretta gestione del fenomeno. 

  • Medaglie-ricordo per i caduti nella prima guerra mondiale

    Il Comune di Bra con il gruppo alpini di Bra, in adesione ad un progetto della Regione Friuli Venezia Giulia, ha fatto realizzate delle medaglie commemorative dei braidesi caduti durante la Prima Guerra Mondiale. Una parte delle medaglie (oltre 200) sono già state consegnate ai familiari dei caduti. Chi non l'avesse ancora ritirata può rivolgersi all’Ufficio Stampa e Relazioni con il Pubblico del Comune di Bra, al numero 0172/438278. In questo file l'elenco dei caduti braidesi per cui è stata realizzata la medaglia-ricordo e qui è visibile la galleria fotografia della cerimonia di consegna.

  • Bonus Asilo Nido 2017: informazioni per i neoiscritti

    Per le famiglie che fanno richiesta del Bonus Asilo Nido 2017, erogato dall'Inps, l'Asilo nido comunale di Bra (nella sede principale di via Caduti del Lavoro), rilascia le dichiarazioni dell’avvenuto inserimento in graduatoria del bambino necessarie alla presentazione delle domande per i bambini che ancora non frequentano il nido. Per info e richieste asilonido@comune.bra.cn.it . Si ricorda che le domande per il bonus possono essere presentate accedendo ai servizi telematici online dell'inps; chiamando il numero verde Inps 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile; rivolgendosi a Patronati o agli altri intermediari autorizzati. 

  • BDAP - Banca Dati Amministrazioni Pubbliche: link parte lavori

     E' possibile accedere alle informazioni che il nostro Comune ha inviato alla BDAP (Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche del Ministero dell’Economia e delle Finanze) ai sensi del dlgs 229/2011 e secondo le modalità previste dal DM 26/02/2013.  Di seguito il link del Comune di Bra per accedere allla BDAP: Comune di Bra/BDAP .      

  • ZTL centro storico: i moduli per l'accesso

    Stanno per partire i controlli mediante telecamere dei varchi di accesso alla Ztl del centro storico. Residenti, titolari di posti auto, lavoratori ed altri soggetti che secondo la relativa ordinanza possono accedere all'rea, dovranno comunicare al comando di Polizia municipale i dati dei propri veicoli. I moduli per richiedere l'accesso.

  • Obbligo di pulizia di fossi e strade private

    Un'ordinanza comunale impone la pulizia di fossi e strade private ai proprietari di edifici e terreni prospicenti strade comunali o vicinali. Il motivo: impedire il ristagno di acqua sulla strada e il regolare deflusso. La sanzione può arrivare fino a 500 euro. La notizia.