Si è svolta nei giorni scorsi a Bra una rilevazione di monitoraggio di campi elettromagnetici. Oggetto delle verifiche, condotte dall’Ufficio Ambiente del Comune in collaborazione con i tecnici delle Agenzie Regionali per la Protezione Ambientale ARPA di Cuneo e Ivrea e il coinvolgimento dell’Associazione Radioamatori Italiani, è stato il controllo del rispetto dei limiti di legge di emissione in alcune zone della città, anche a seguito della segnalazione di possibili interferenze elettromagnetiche con una caldaia domestica.

Nel corso del monitoraggio, la cui relazione è consultabile nella sezione Ambiente/Inquinamento elettromagnetico del sito istituzionale www.comune.bra.cn.it, è stato rilevato il livello di fondo di campo elettromagnetico e testato l’utilizzo delle antenne in dotazione ai radioamatori operanti in città. L’esito delle misure ha pienamente affermato il rispetto dei limiti di esposizione e dei valori di attenzione per i campi elettromagnetici su tutte le frequenze utilizzate, anche nelle condizioni di massima potenza concessa. Si è inoltre appurato come la segnalata interferenza con un dispositivo termico domestico dipendesse da un problema di compatibilità elettromagnetica dell’impianto stesso; la sostituzione da parte del costruttore della scheda elettronica della caldaia ha risolto il malfunzionamento.

“La rilevazione ci ha permesso di verificare i livelli di campo e di esposizione in alcune aree cittadine potenzialmente più esposte, confermando il pieno rispetto dei limiti di legge, a garanzia della tutela della salute della popolazione – commentano il Sindaco Bruna Sibille e l’assessore all’Ambiente Sara Cravero -. Ringraziamo i tecnici dell’Arpa e quelli dell’Ari cittadina per la fattiva collaborazione. Nel quadro di apposita convenzione con Arpa Cuneo, sono in corso ulteriori rilievi in diverse aree cittadine”. (em)


Info: Città di Bra – Ufficio Ambiente

tel. 0172.438297 - ambiente@comune.bra.cn.it