L’autenticazione della firma attesta che la firma è stata posta in presenza di un pubblico ufficiale che si è accertato dell’identità del sottoscrittore. Per le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà rivolte ai privati e per le domande relative alla riscossione di benefici economici (pensioni, contributi, etc) da parte di un'altra persona, l'autenticazione deve sempre essere fatta con le  modalità tradizionali davanti al notaio, segretario comunale, dipendente incaricato dal Sindaco, cancelliere, dipendente addetto  a ricevere la documentazione. Per quanto concerne le istanze e le dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà:

  • quando sono rivolte alle ammnistrazioni od ai gestori di servizi pubblici non vanno autenticate, ma sono sottoscritte davanti al funzionario addetto o inviate per fax allegando la fotocopia del documento di identità della persona che le ha firmate, Rimane, dove prevista in precedenza, l'imposta di bollo sulle istanze;
  • quando sono rivolte ai privati vanno autenticate ed è dovuta l'imposta di bollo.Non è più richiesta l'autentica della firma sulle domande per pubblici concorsi relativi a: Forze Armate e Corpi di Polizia, Magistratura ed Avvocatura dello Stato; Carriere diplomatiche.

Requisiti: tutti possono chiedere l’autenticazione della propria firma, anche chi non è residente nel Comune.

 

Cosa occorre: presentarsi personalmente con documento d’identità e l’atto da sottoscrivere. Marca da bollo da 14,62  € (da acquistarsi in tabaccheria) se richiesto.

 

Tempi: l’autenticazione è effettuata immediatamente.

 

Costi: 0,26 €  per diritti segreteria se in carta libera, se in bollo una marca da  14,62 € e 0,52 € per diritti  di segreteria.

 

Tempi di conclusione del procedimento: immediato.