Ai sensi dell’art. 92 del Regolamento di polizia Mortuaria, nel cimitero devono essere ricevuti:
  1. i cadaveri delle persone morte nel territorio del Comune, qualunque ne fosse in vita la residenza;
  2. i cadaveri delle persone morte fuori del Comune, ma aventi in esso in vita - o durante un periodo di essa - la loro residenza, oppure dichiarati “cittadini onorari” della città di Bra con atto formale del Comune;
  3. i cadaveri delle persone non residenti in vita nel Comune e morte fuori di esso ma aventi diritto ad una sepoltura privata di famiglia nel cimitero stesso;
  4. i nati morti di cui all'art. 7 e i prodotti del concepimento;
  5. i resti mortali delle persone sopra elencate.

Le nicchie ossario e le cellette nell’area crematoria  possono contenere i resti o le ceneri di un solo defunto e vengono concessi per 30 anni, rinnovabili una sola volta per lo stesso numero di anni. 
Possono essere concesse al momento del decesso, quando c’è espressione di volontà alla cremazione direttamente alle imprese funebri incaricate della pratica,  ed  anche per il coniuge vivente che abbia optato per la stessa scelta, purchè la celletta o la nicchia ossario sia  vicina o limitrofa al defunto. Sarà inoltre possibile la concessione di nicchie ossario e cellette a persone viventi  che intendono farsi cremare, che abbiano compiuto il sessantacinquesimo anno di età,  qualora non vi siano eredi che possano provvedere al momento del decesso del richiedente. Vengono altresì concesse allo scadere del periodo ordinario delle estumulazioni  (40 anni) ed esumazioni (10 anni), per la tumulazione dei resti o ceneri mortali.

 

Cosa occorre: domanda in bollo indirizzata al Sindaco da parte degli eredi; residenza a Bra o decesso avvenuto a Bra ovvero aver avuto per un periodo della vita la residenza a Bra.

 

Costo: versamento apposita tariffa di concessione cimiteriale.

Allegati:
Scarica questo file (tariffe_cimiteriali.pdf)tariffe_cimiteriali.pdf[Le tariffe in vigore dal 01.01.2013.]0 kB