L'archivio storico comunale di Bra costituisce un complesso documentario di primaria importanza, che copre un arco temporale dal secolo XIII al 1972 e ha uno sviluppo lineare di circa 540 metri.

 

L'attuale struttura è suddivisa in tre sezioni cronologiche:

  • Archivio storico (1272-1870), creata dal professor Edoardo Mosca nel 1959;

  • Sezione separata (1871-1937)

  • Archivio di deposito (1938-1972)

queste ultime create nel 1977 dal ragionier Mula. Di seguito la scannerizzazione dei registri di inventario delle sezioni indicate.

 

Inventari (link esterni)

Archivio storico

Gestione separata 1

Gestione separata 2 

 

 

 

Riordino

 

Il Comune di Bra ha approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 169 del 23.04.2004 il Progetto di riordino, inventariazione e valorizzazione dell'archivio storico, affidando l'incarico alle archiviste Roberta Audenino e Wanda Gallo. Il lavoro, articolato in quattro anni e mezzo, ha preso avvio il 1 giugno 2004 e prevede:

  • la creazione di una banca dati informatizzata delle descrizioni archivistiche, che consentirà un percorso di accesso alla documentazione il più possibile variabile ed elastico

  • la revisione dei tre inventari esistenti (corrispondenti all'attuale struttura tripartita dell'archivio) al fine di colmarne le lacune

  • il riordino complessivo di tutta la documentazione secondo il metodo storico-sistematico, che prevede la ricostruzione della struttura originaria dell'archivio

L'archivio e il suo riordino sono un caso di studio oltremodo utile per la formazione dei futuri archivisti riordinatori. Per questo il Comune di Bra ha ospitato gli allievi della Scuola di Archivistica annessa all'Archivio di Stato di Torino per una visita di istruzione.

 

Del solo primo anno di lavoro (giugno 2004-giugno 2005), questi i principali risultati conseguiti:

  • schedatura della prima sezione Archivio storico, pari a uno svolgimento lineare di 142 metri
  • creazione di un data base informatizzato delle descrizioni di circa 5.800 unità archivistiche
  • descrizione di documenti che non compaiono negli attuali inventari, pari al 15% delle unità finora schedate
  • rilevazione e correzione di parecchi errori presenti negli attuali inventari relativi a: - descrizione - datazione - attribuzione dei pezzi alle sezioni cronologiche - individuazione di alcuni archivi aggregati (Santuario della Beata Vergine dei Fiori, Società filarmonica, Guardia Nazionale) - ricostruzione della storia dell'archivio dal secolo XVIII al 1972.
Il lavoro di inventariazione è pressoché terminato, cui seguirà un laborioso processo di catalogazione.
 

 

Allegati:
Scarica questo file (moduloaccessoarchivio.pdf)moduloaccessoarchivio.pdf[Il modulo per richiedere documenti d'archivio.]0 kB