La prima sala a destra del secondo piano ospita una Mostra di manufatti della Collezione Turco dal titolo Tenerée: 100.000 anni di Preistoria Sahariana. Le prime tre vetrine introducono il visitatore, attraverso il continente africano e il Sahara di ieri e di oggi, nella zona esplorata dal dott. Turco: ci si avvicina al Tenerèe osservando le modificazione del clima, non sempre un deserto, e quindi i 5 itinerari, che hanno condotto alla raccolta di oltre 600 reperti litici e ceramici, Le successive 6 ospitano i materiali più interessanti esposti in ordine cronologico e tematico. Mediante numerosi reperti, grafici e fotografie, vengono illustrati i seguenti temi: Caccia (chopper, bifacciali, punte si selce), Acque (aproni, zagaglie, pesca), Raccolta dei frutti spontanei (falcetti di legno e pietra tagliente, contenitori e macine), Utensili (asce, punte di frecce, ceramiche), Vita quotidiana (oggetti di uso quotidiano), Società e Spirito (ornamenti, oggetti rituali, tumuli ad uso sepolcrale preislamici). Due grandi pannelli murali illustrano l’evoluzione delle civiltà preistoriche del Nord-Africa; mentre la cornice, sovrastante le vetrine, riproduce graffiti e dipinti rupestri. Tutto il materiale dei viaggi stato oggetto di studio e di pubblicazione del Museo ad opera di Francesco Fedele e Giancarlo Turco nel volume Preistoria del Tenerée (1983).

 

In evidenza