Come prenotare le mascherine per gli over 70

Pubblicato il 2 aprile 2020 • Emergenza Piazza Caduti per la Libertà, 12042 Bra CN, Italia

Mascherine per gli ultrasettantenni braidesi. Il Comune di Bra distribuisce gratuitamente mascherine facciali ai cittadini over 70 che non dispongono già di altri strumenti di protezione e ne faranno richiesta. A partire da oggi, giovedì 2 aprile 2020, è possibile richiedere le mascherine:

  • telefonando al numero della segreteria del Sindaco, lo 0172-438261, dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 16:30, il venerdì dalle 9 alle 12:30
  • telefonando al centralino del Comune, lo 0172-438111, dal lunedì al venerdì dalle 8:45 alle 12:45
  • inviando una mail a urp@comune.bra.cn.it (indicando nome, cognome, data di nascita, indirizzo e numero di telefono del richiedente)

Non sarà necessario recarsi fisicamente in Comune. La successiva consegna avverrà nei giorni successivi grazie ai volontari della Croce Rossa Italiana e del gruppo civico volontari di protezione civile di Bra.

Le mascherine, che saranno consegnate in numero massimo di una per richiedente, sono in tessuto lavabile, non dispositivo medico, e recheranno indicazioni sulle modalità d’uso e di lavaggio, oltre alle norme di comportamento in questo periodo emergenziale. Si ricorda che l’uso della mascherina è utile per evitare il diffondersi del contagio ma che per garantirsi adeguata protezione è sempre necessario osservare alcune semplici regole quali lavarsi accuratamente le mani e mantenere una distanza di un metro dalle altre persone.

“Dopo esserci confrontati con le città più grandi della provincia e con le competenti autorità sanitarie”, spiega il sindaco Gianni Fogliato, “abbiamo deciso di distribuire le mascherine al momento reperite guardando alla fascia della popolazione potenzialmente più fragile, e cioè agli anziani che ne siano sprovvisti. Continueremo nella ricerca di altre mascherine, fermo restando la necessaria priorità data al personale sanitario e a tutti coloro che operano al servizio della comunità”.