L'x sindaco Fraire dona al Comune la sua collezione di libri

Pubblicato il 29 marzo 2019 • Cultura

Il grand’ufficiale Pietro Fraire, già sindaco di Bra per due mandati tra gli anni Settanta e Ottanta e consigliere regionale, oltre che presidente della Cassa di Risparmio di Bra, ha deciso di fare dono alla Città di Bra della sua personale biblioteca, costituita da un prezioso fondo librario di 450 volumi di vario contenuto, soprattutto storico, letterario e politico. Ne ha dato comunicazione nell’ambito del Consiglio comunale di Bra di giovedì 28 marzo 2019 il presidente Biagio Conterno, a nome dei capigruppo dell’assemblea cittadina.

“La conferenza dei capigruppo, all’unanimità dei presenti nella seduta di martedì 26 marzo scorso, ha deciso di informare in maniera ufficiale il consiglio comunale e l’opinione pubblica – ha spiegato Conterno - facendosi interprete del senso di gratitudine per questo dono da parte di un nostro concittadino, giornalista, scrittore, insegnante, politico ma soprattutto fine intellettuale arguto testimone della ‘braidesità’ più pura e lucida”.

Nella comunicazione, i capigruppo hanno inoltre espresso la raccomandazione che di tale importante fondo librario (frutto, come si legge nella nota di Fraire, “dell’amore, coltivato per tutta una vita, per la cultura, la storia e l’arte e, in particolare, per il nostro inimitabile territorio”) possano beneficiare tutti i cittadini, disponendo opportuna e degna collocazione nella biblioteca civica “Giovanni Arpino”, anche con una targa che “apprezzi e faccia apprezzare ulteriormente il valore culturale e materiale dell’importante donazione”.