Bra è uno dei maggiori centri del Barocco Piemontese. Di grande impatto sono le imponenti costruzioni che si affacciano sulla vecchia piazza del mercato (oggi piazza Caduti per la Libertà), formando ideali cornici alla piazza stessa: il Palazzo Comunale, Palazzo Mathis, Palazzo Garrone e la chiesa di S. Andrea.

 

Bra - Piazza Caduti per la libertà

 

 La piazza, al cui centro si trova la statua di San Giuseppe Cottolengo, si trova nella parte storicamente più antica del centro cittadino, denominata "della Rocca", ed a pochi passi da essa è possibile percorrere la parte alta del porticato dell’Ala che, affacciandosi su corso Garibaldi e piazza XX Settembre, offre la possibilità di cogliere non solo un suggestivo panorama del centro storico ma anche l'opportunità di raggiungere edifici storici quali la chiesa della SS. Trinità (meglio conosciuta in città come Chiesa dei Battuti Bianchi), la casa natale di San Giuseppe Benedetto Cottolengo, lo storico Palazzo Guerra ed il Palazzo Rosso, per giungere infine alla chiesa di S. Maria degli Angeli

 

Palazzo Traversa

 

Lungo le vie che da Piazza Caduti Libertà portano verso la parte collinare del centro storico è possibile ammirare gli storici Palazzo Valfrè di Bonzo, nell’angolo tra via Serra e via Monte di Pietà, la cappella del Santo Rosario (recentemente restaurata) ed il gotico Palazzo Traversa. Risalendo ulteriormente il Monte Guglielmo, punto più alto della città, si giunge nel parco della Zizzola, edificio a pianta ottagonale simbolo di Bra. Pochi passi ed è scorgere la caratteristica sagoma della chiesa di Santa Chiara, capolavoro dell’architettura rococò, mentre scendendo nella centrale via Vittorio Emanuele  trovano spazio altre importanti testimonianze dell’arte sacra quali la chiesa di San Giovanni decollato (conosciuta, dal nome della confraternita fondatrice, come chiesa dei Battuti Neri), S. Antonino e l’imponente parrocchiale di S. Giovanni Battista

 

In pieno centro, alla confluenza tra via Principi di Piemonte e via Cavour, si incontra la chiesa di San Rocco, che oggi, sconsacrata, ospita numerose mostre d’arte. Proseguendo verso l’ampia Piazza Carlo Alberto, si resta colpiti dal porticato neoclassico e dalla maestosa cupola del Civico Teatro Politeama "Boglione"

Nella parte nord della città si trova il santuario della Madonna dei Fiori, complesso religioso costruito a ricordo dell’apparizione della Vergine Maria ad Egidia Mathis nel 1336. 

 

Pollenzo dall'alto

 

 

 

Nelle frazioni, grande rilievo artistico riveste il complesso monumentale di Pollenzo costituito dal castello, dall’agenzia e dalla parrocchiale che si affacciano lungo la piazza centrale dell’antica città romana. L'Unesco, l'organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa del patrimonio culturale ed artistico mondiale, ha inserito Pollenzo nel "World Heritage" tra i beni patrimonio dell'umanità.