Imposta di soggiorno

Ultima modifica 20 settembre 2022

L'imposta di soggiorno è stata istituita nel 2012 sul territorio di competenza dell'Atl Langhe e Roero, di cui Bra è parte. L'imposta è a carico di coloro che alloggiano nelle strutture ricettive situate sul territorio braidese e il relativo gettito è destinato a finanziare interventi in materia di turismo,nonchè interventi di manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali locali o relativi ai servizi pubblici locali.

L'imposta deve essere versata mensilmente attraverso la piattaforma PagoPA (link: https://bra.comune-online.it/web/pagamenti/pagamenti-spontanei?p_p_id=tipopagamentocontroller_WAR_jcitygovpagamentispontaneiportlet&p_p_lifecycle=0&p_p_state=normal&p_p_mode=view&p_p_col_id=column-1&p_p_col_count=1&p_r_p_-1550643597_tipoPagamentoId=35933)

Dichiarazione Imposta di soggiorno 2020 e 2021

Con il D.M. 29 aprile 2022 è stato approvato il modello di dichiarazione dell'Imposta di soggiorno, che deve essere presentato dai responsabili delle strutture ricettive che percepiscono l’imposta, esclusivamente in via telematica all’Agenzia delle entrate (mediante le piattaforme Entratel e Fisconline). Entro il mese di gennaio deve comunque essere presentato al Comune di Bra il modello di rendicontazione di incassi e riversamenti come “agenti contabili” di fatto.

Il modello di dichiarazione ministeriale deve essere utilizzato dai gestori delle strutture ricettive e dai soggetti che incassano il canone o il corrispettivo, o che intervengono nel pagamento dei canoni o corrispettivi relativi alle cosiddette locazioni brevi, ovvero soggetti che gestiscono portali telematici, mettendo in contatto persone in cerca di un immobile con persone che dispongono di unità immobiliari da locare.

Sulla base delle FAQ che il Ministero dell’Economia e delle finanze ha pubblicato sul proprio sito nel settembre 2022 (https://www.finanze.gov.it/export/sites/finanze/.galleries/Documenti/Fiscalita-locale/FAQ-Dichiarazione-imposta-di-soggiorno.-19.09.2022.pdf), considerato che “si tratta del primo anno di applicazione dell’obbligo dichiarativo mediante presentazione del modello ministeriale (Decreto 29 aprile 2022), si ritiene che i soggetti che hanno già presentato per gli anni di imposta 2020 e 2021 una dichiarazione/comunicazione al comune seguendo le indicazioni prescritte dal comune stesso, non sono obbligati a ripresentare per dette annualità la dichiarazione di cui al decreto” mentre “Al di fuori di tale caso, è chiaro che il contribuente dovrà utilizzare esclusivamente il nuovo modello ministeriale per la dichiarazione dell’imposta o del contributo di soggiorno”.

 

Documenti

Imposta di soggiorno. Regolamento

Vademecum Imposta di soggiorno

Slide incontro su locazioni brevi (15.10.2019)

Tariffe 2022

Tariffe 2021

Tariffe 2020

Tariffe 2019

Tariffe 2018

Tariffe 2017

 

Modulistica

Il modulo di dichiarazione

Il modulo di dichiarazione editabile

 

Orari e contatti